Un contributo allo studio delle scienze della terra

Hits: 3

Lo studio delle scienze della terra costituisce argomento di primaria importanza per la comprensione di molte delle problematiche che stiamo vivendo oggi in relazione al nostro ecosistema. Un contributo significativo in tal senso è dato dal lavoro svolto per diciotto anni dal geologo svizzero Hans Ulrich Schmutz come insegnante di geografia al liceo Waldorf di Wetzikon (Zurigo), lavoro riassunto nel suo libro Erdkunde in der 9. bis 12. Klasse an Waldorfschulen – Eine Gesamtkonzeption (Lo studio dei fenomeni della terra per l’insegnamento della geografia nelle scuole Waldorf dalla IX alla XII classe – Una visione d’insieme).

Abbiamo il piacere di comunicarvi che è in corso da un paio d’anni la traduzione di questo testo, che nell’arco di pochi mesi dovrebbe essere messo a disposizione di tutti gli interessati nella sua prima bozza. Chi volesse prenotarne una copia può contattarci via mail o telefonicamente (vai alla pagina CONTATTI).

 

Pubblichiamo qui di seguito l’indice completo del volume:

 

 

INDICE

 

Nota introduttivadi Ruprecht Fried

 

Capitolo 1: Introduzione al piano di studi di scienze naturali e della terra delle superiori

 

1.1 Com’è nato questo lavoro

1.2 Indicazioni per la configurazione interiore dell’insegnamento delle scienze naturali e della geografia nelle dodici classi

1.2.1 Scienze naturali

1.2.2 Geografia

1.3 Gradi della formazione del giudizio: dall’immagine [Abbild] all’archetipo [Urbild]

1.4 Successione graduale delle epoche di geografia alle superiori

1.5 A proposito dell’ordine in cui vengono presentate le descrizioni delle epoche

 

Capitolo 2: Nona classe – geologia

 

2.1 Considerazioni introduttive

2.1.1 La nona classe nel passaggio dalle medie alle superiori

2.1.2 Perché fare geologia in nona classe?

2.1.3 Argomenti ripresi dalle medie

2.1.4 La didattica per la realizzazione dei quadernoni

2.2 Illustrazione dei contenuti delle epoche

2.2.1 Studio dei terremoti

2.2.2 Vulcanismo

Vulcanismo andesitico

Vulcanismo alcalino-basaltico: hot spots

La dorsale medio-oceanica

Le fosse tettoniche continentali (Rift Valley)

2.2.3 Le zone di compressione e di espansione della terra

2.2.4 Processi tettonici generali e petrologia

2.3 Uno sguardo in avanti alla tettonica a placche

 

Capitolo 3: Decima classe – La terra in movimento

 

3.1 Formulazione dei compiti antropologici della decima classe

3.2 Motivi dell’epoca «La terra in movimento»

3.3 La successione delle epoche

3.3.1 L’involucro acqueo corrente della terra

 Correnti superficiali

Correnti profonde e sul fondo dell’oceano

Relazioni tra correnti superficiali e profonde

L’impulso di movimento della Corrente del Golfo

Il significato della Corrente del Golfo

3.3.2 Le maree

3.3.3 La circolazione globale dei venti

La sovrapposizione degli strati dell’atmosfera

Venti a terra

Venti in quota

Relazioni tra correnti dei venti e delle acque

3.3.4 Alta e bassa pressione come compressione e rarefazione delle masse di aria

Avvertenze per la metereologia

3.3.5 La tettonica a placche come espressione delle correnti del mantello terrestre

Il gioco vicendevole tra i processi di espansione nella dorsale medio-oceanica e dei processi di compressione nelle zone di subduzione

La polarità atlantico-pacifico

Dell’alternarsi tra il continente unitario Pangea e la molteplicità dei continenti

3.4 Perché trattare la tettonica a placche solo dalla decima classe in poi?

3.5 Uno sguardo in avanti in ulteriori ambiti di studio

 

Capitolo 4: Decima classe – Cristallografia

 

4.1 Considerazioni preliminari per le nuove epoche

4.2 Ricerche sui cristalli di rocca

4.2.1 La legge di permanenza degli angoli tra superfici corrispondenti

4.3 Le tre specie di simmetrie e la loro importanza

4.3.1 La simmetria speculare

4.3.2 La simmetria di rotazione

4.3.3 La simmetria centrale

4.4 Gli elementi di simmetria del tetraedro

4.5 La stella di Keplero ovvero la polarità del tetraedro

4.6 Gli elementi di simmetria dell’ottaedro, del cubo e della stella di Keplero

4.7 Lo sviluppo dei sette sistemi cristallografici dalla forma originaria del tetraedro

4.7.1 Il sistema cubico

4.7.2 Il sistema tetragonale

4.7.3 Il sistema ortoromboidale

4.7.4 Il sistema monoclino 

4.7.5 Il sistema triclino

4.7.6 Il sistema trigonale

4.7.7 Il sistema esagonale

4.7.8 Sintesi

4.8 La produzione di una forma cristallina a partire dalla legge di simmetria

4.8.1 Granato come rombododecaedro

4.8.2 Pirite come cubo, ottaedro e pentadodecaedro

4.9 Caratteristica regionale, habitus e geminazione nell’esempio del quarzo

4.10 Il significato dell’epoca di cristallografia in relazione al piano di studi delle superiori

 

Capitolo 5: Decima classe – Elementi di geografia per i progetti di agrimensura

 

5.1 Introduzione

5.2 Progettazione di un sentiero forestale

5.2.1 Tappe del lavoro sul campo

5.2.2 Lettura dei dati e calcolo delle masse

5.2.3 Indicazione gnoseologica

5.3 Documenti della progettazione del paesaggio per la cura di monumenti

5.3.1 Rilevamento dei giardini del palazzo Salis a Soglio

5.3.2 Rilevamento di grottimedioevali

5.4 Considerazioni pedagogiche

 

Capitolo 6: Nona e Decima classe – Aspetti della conoscenza della vita sociale,

                    della tecnologia e della geografia economica

 

6.1 Condizioni al contorno

6.2 Visite ad aziende in Nona classe

6.3 Tecnologia tessile in decima classe

 

Capitolo 7: Undicesima classe – Astronomia

 

7.1 Premessa

7.2 Fondamenti gnoseologici del concetto di intenzionalità

7.3 Il succedersi dei diversi livellinelle classi delle superiori

7.4 Obiettivi dell’epoca di astronomia – Elementi fondamentali per l’undicesima classe

7.5 Lo svolgimento dell’epoca

7.5.1 Sole – Terra – Stelle fisse

Lo sviluppo dell’eclittica come orbita annuale del sole

Il grande anno platonico

L’immagine eliocentrica del mondo

7.5.2 Sole – Terra – Luna

7.5.3 Terra – Stelle fisse – Pianeti

7.5.4 Ritmo delle epoche glaciali

7.6 Sulla storia dell’astronomia

7.7 Rapporto con la matematica e l’agrimensura

7.8 Sintesi

 

Capitolo 8: Undicesima classe – Economia delle fonti energetiche

 

8.1 Introduzione

8.2 Esposizione di alcuni esempi particolari dei contenuti trattati nelle epoche

8.2.1 Sul concetto di energia

 Energia grigia e «fattore di raccolta»

8.2.2 Energie non rinnovabili

Storia della formazione delle materie prime

Estrazione del carbon fossile

Estrazione del petrolio

Quanto sono limitate le risorse delle fonti di energie non rinnovabili?

La tecnologia non-ciclica dell’uranio

8.2.3 Fonti di energia rinnovabili

Il ciclo della COnell’utilizzo del legno

Produzione di acqua calda col sole

Un impianto solare è conveniente?

Quanti impianti solari può tollerare la Svizzera?

La trasformazione della luce solare in elettricità

Quanta superficie già costruita è disponibile per il montaggio di celle solari?

8.2.4 Energia «spazzatura» o risparmio energetico?

L’isolamento delle case: case a basso consumo energetico

Sfruttamento passivo dell’energia solare: Giardini d’inverno, muro di Trombe

La coppia Forza-Calore

8.2.5 Sguardo alla problematica energetica globale

Il diritto alla trasformazione dell’energia

Umdenken und umschwenken rende illusoria una pianificazione tecnocratica

8.3 Considerazioni pedagogiche

 

Capitolo 9: Dodicesima classe – Paleontologia / Antropologia

 

9.1 Sull’antropologia della dodicesima classe e sulla scelta dei temi

9.2 Sullo svolgimento dell’epoca in dodicesima classe

9.3 Una premessa sulla determinazione geologica delle ere

9.3.1 Il metodo della determinazione delle stagioni

9.3.2 La determinazione stratigrafica delle ere

9.3.3 Il metodo della geocronologia

9.3.4 Il metodo geometrico di determinazione della successione degli eventi

secondo il movimento dei materiali

9.3.5 Sulla caratterizzazione delle ere

9.4 Elementi esemplificativi per la paleontologia

9.4.1 Processi vitali antichi e prime formazioni rocciose

9.4.2 Il significato delle batterie al cianuro

Un’immagine del paesaggio terrestre delle origini

La formazione di stromatoliti dall’attività di cianobatteri

Una considerazione metodologica

Il significato dei processi vitali per la trasformazione della terra

9.4.3 Gli archeobatteri

9.4.4 Il primo rivolgimento: ossigeno libero nell’atmosfera

9.4.5 Fasi dell’evoluzione della vita

L’epoca di Ediacara

La comparsa del mondo animale

La differenziazione dei vertebrati

Il mistero del pesce Latimeria

I rettili del Paleozoico

Lo sviluppo delle piante

La formazione del carbone nel Carbonifero

9.4.6 La crisi globale della vita alla fine dell’epoca antica della terra

Un excursus: Grandezza costante della terra o ingrossamento dal Mesozoico in poi?

9.4.7 Le prime piante da fiore e la diffusione dei mammiferi

9.4.8 Indicazioni per la datazione dell’epoca atlantica

9.5 Antropologia

9.5.1 Indicazioni generali

9.5.2 La prima conquista: l’andatura eretta

9.5.3 Il secondo gradino: Le amigdale bifacciali come documenti del pensare e dell’agire umani

9.5.4 Il terzo gradino: Sviluppo della facoltà del linguaggio

9.5.5 L’uomo di Neanderthal, un essere misconosciuto

9.5.6 La comparsa dell’arte nell’ultima epoca glaciale

9.6 Evoluzione e discendenza

9.6.1 Il percorso dall’universale al particolare

9.6.2 L’essere umano in equilibrio tra essere proprio e essere mondo

9.6.3 Motivi dell’evoluzione

9.6.4 L’essere umano tra procreazione e morte in confronto all’evoluzione biologica

 

Capitolo 10: Dodicesima classe – Aspetti dell’economia mondiale

 

10.1 Formulazione del problema

10.2 Alimentazione mondiale

10.2.1 Come nasce un prezzo equo?

La produzione di grano

La produzione di cacao

Come funziona la speculazione nelle borse dei Futures delle materie prime?

10.2.2 La fame è un problema della distribuzione alimentare e della povertà

I cereali come mangime per il bestiame dei ricchi

10.3 Obiettivi dell’insegnamento di economia

 

Ringraziamenti

 

Bibliografia

 

Indice dei nomi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *